Home / Hobby e tempo libero / Pistole e fucili a salve: quali sono?
fucili a salve

Pistole e fucili a salve: quali sono?

Chi si ritrovasse per le mani o in casa delle munizioni a salve, avrebbe più di una possibilità di utilizzarle: scacciacani, pistole di segnalazione, pistole e fucili a salve e armi semiautomatiche modificate.

Le armi scacciacani o “a salve”

Si tratta di pistole o di fucili a salve, dotati di un sistema di munizionamento in grado di riprodurre solamente un rumore molto forte (il classico“botto”), del tutto simile a quello che si sente durante l’utilizzo di un’arma vera.



È insomma la replica di un’arma vera, esteticamente fedele all’originale, ma completamente inefficace da un punto di vista offensivo. Viene detta scacciacani, proprio perché il rumore che ne viene generato spaventa gli animali, allontanandoli.

Generalmente questo tipo di pistola è realizzato in una lega in alluminio molto fragile, che prende il nome di zama; la sua canna è ovviamente occlusa da un inserto in acciaio. Ogni modello scacciacane, prima della produzione e della commercializzazione deve essere testato dal B.NP. e approvato dal Ministero degli Interni. Queste armi non necessitano di porto d’armi.

Le pistole di segnalazione e dei servizi di soccorso

Le pistole lanciarazzi sono armi comuni, ma ne esistono alcune, utilizzate per la segnalazione nautica e per i servizi di soccorso, che vengono approvate dal Ministero dei Trasporti

Anche in questo caso,sono usate le munizioni a salve, ma la canna di queste pistole è solo parzialmente occlusa. Questo consente ai gas generati dalla combustione della carica di lancio di arrivare sotto pressione fino alla volata. Qui sarà collocato il razzo da lanciare, grazie ad un tromboncino che farà da supporto.

Si possono acquistare esclusivamente presso i negozi di nautica e possono essere trasportate in auto solo per recarsi al porto e sulla propria imbarcazione.

Le armi per uso scenico

Le armi ad uso scenico vengono utilizzate al cinema e a teatro. La loro caratteristica è quella di simulare in tutto e per tutto un’arma vera, automatica o semiautomatica:un fucile a salve Winchester, ad esempio, è in tutto e per tutto uguale all’originale, dal calcio, alla canna, al meccanismo di carica e di espulsione.



L’effetto sonoro che danno questi fucili a salve è lo stesso di un’arma propria.

In fase di produzione, le armi a salve subiscono una modifica (rispetto a quelle “vere”), semplice ma efficace: la canna viene parzialmente occlusa. Questo genera un doppio effetto:

  • Si rafforza il rinculo; senza questo espediente con l’uso di cartucce a salve l’effetto non sarebbe tale da consentire di attivare il meccanismo automatico o semiautomatico di ricarica dell’arma
  • Si impedisce che un proiettile possa accidentalmente essere sparato

Dato però che le modifiche apportate all’arma sono facilmente reversibili (è sufficiente “riaprire” la canna) le pistole e i fucili a salve sono considerati armi a tutti gli effetti di legge e come tali vanno utilizzati e trasportati.

Da un fucile semiautomatico ad un fucile a salve

Se da un’arma a salve si può in modo relativamente facile passare ad un’arma propria, il percorso inverso è altrettanto possibile: utilizzare un fucile semiautomatico con armi a salve.

Le cartucce a salve non hanno proiettile, ma hanno semplicemente il bossolo che si richiude su se stesso e contiene una carica di polvere.

Se quindi inseriamo delle munizioni a salve su di un’arma semi automatica, la cartuccia non riesce da sola ad attivare il sistema di ripetizione dell’arma, sia che il fucile (o la pistola) funzioni a “corto rinculo”, sia che funzioni a recupero di gas.

Per risolvere questo problema si utilizza un meccanismo a parte, che è il rafforzatore di rinculo. Si tratta di un dispositivo che si aggiungealla bocca dell’arma e che introduce una strozzatura nella parte terminale della canna.

In questo modo si riduce di quasi la metàil diametro della volata vera e propria. L’intasamento che si viene a creare nei gas di sparo generati dalla cartuccia a salve riesce a “ricreare” il tiro semiautomatico,

Se si prende una cartuccia a salve e la si incamera nel fucile, senza aver modificato il fucile, si riesce a sparare, ma la cartuccia non viene espulsa automaticamente: in questo caso quindi di un fucile semiautomatico, se ne è fatto uno a ripetizione manuale.

Attenzione però: una volta montato il dispositivo, nel fucile è possibile inserire esclusivamente cartucce a salve. Diversamente, le munizioni a palla esploderebbero all’interno della canna, causandone lo scoppio ed un effetto disastroso.

Il dispositivo rafforzatore di rinculo è fatto esclusivamente per le munizioni a salve e deve essere rimosso immediatamente dopo il suo utilizzo.

Leggi anche:

Scaricare libri gratis: tutti i migliori siti per leggere gratuitamente

Chi ha la passione per la lettura e divora velocemente un libro dopo l’altro dovrà, ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *