Home / Lavoro / Normative EN 13374 e EN 14122-3
cantiere

Normative EN 13374 e EN 14122-3

Il lavoro, specialmente se in cantiere, è caratterizzato da un rischio maggiore per l’incolumità dei lavoratori e, di conseguenza, ha bisogno di particolari norme chesiano in grado di garantire una forte sicurezza.L’ideazione, la progettazione e la conseguente messa in commercio di attrezzature per cantiere conformi al D.Lgs. 81/2008 – Testo Unico Salute e Sicurezza sul Lavoro rappresenta la soluzione ideale per il rispetto alle norme vigenti. Le normative EN 13374 eEN 14122-3 sono i punti di riferimento per la messa in sicurezza di superfici di lavoro in quota e per parapetti utilizzati nel settore artigianale e industriale.

Normative EN 13374 e EN 14122-3: ambiti d’applicazione



Le normative EN 13374 e EN 14122-3 regolano i parametri da rispettare affinché i parapetti siano efficienti e sicuri per l’incolumità dei lavoratori e degli utenti immediatamente vicini all’area di lavoro. La norma EN 14122-3 si occupa appositamente dei requisiti specifici dei parapetti permanenti, destinati generalmente per garantire protezione assoluta durante le attività di manutenzioni di un impianto o di una struttura. La norma EN 13374 specifica i requisiti e i metodi di prova dei parapetti provvisori, i quali prevedono a una funzione di arresto per superfici piane e inclinate. I parapetti provvisori sono, inoltre, suddivisi in tre classi.

Normativa EN 13374: le classi di appartenenza

La normativa EN 13374 fornisce uno schema per suddividere i parapetti provvisori secondo tre classi in base alle caratteristiche tecniche dell’attrezzatura edile. I parametri discriminatori sono la resistenza, l’inclinazione della superficie di lavoro rispetto al piano orizzontale e l’altezza di operazione e di possibili cadute.

La classe A include coperture con inclinazione non superiore ai 10° e devono rispettare la resistenza ai carichi statici e garantire il sostegno a un operatore che si appoggi sulla protezione, fornendo un adeguato appoggio nelle operazioni eseguite camminando sul fianco ed evitare possibili cadute.

La classe B si occupa di coperture con inclinazioni minori di 30° senza limitazioni di altezza di caduta e coperture con inclinazioni minori di 60° se l’altezza di caduta è inferiore a 2m. È richiesta una resistenza ai carichi statici e alle basse forze dinamiche, garantire la stessa sicurezza della classe A con un’aggiuntiva protezione d’arresto per la caduta di una persona che scivola lungo la superficie inclinata.

La classe C comprende le coperture con inclinazioni comprese tra i 30° e i 45° senza limiti dell’altezza di caduta o, in alternativa, di casi con inclinazioni comprese tra i 45° e i 60° con altezza di operazione inferiore a 5 metri. È assolutamente necessaria la resistenza a elevate forze dinamiche e la protezione dell’operatore in caso di caduta lungo la superficie inclinata.



Leggi anche:

edilizia

L’edilizia nel Nord Est riparte da Cantieri in Rete

Nasce Cantieri in rete, il network che riunisce ben 18 realtà imprenditoriali del Nord est italiano attive nel ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *