Home / Food / Piccoli dettagli che possono rendere speciale il pranzo di Natale: impiattamento da chef
pranzo di natale

Piccoli dettagli che possono rendere speciale il pranzo di Natale: impiattamento da chef

A Natale tutto deve essere un po’ speciale. La casa si veste a festa, così come la tavola e i commensali. Il pranzo di Natale ha sempre un qualcosa di speciale e di magico, sarà forse il calore dell’ambiente interno rispetto al freddo all’esterno, l’idea dei regali, lo stare finalmente tutti insieme in famiglia, l’emozione dei più piccoli. In tutti i casi l’attenzione è puntata sul pranzo o sul cenone. É proprio per questo che tutte le buone massaie, ma non solo, si adoperano giorni prima per decidere il migliore menù, ricercato ed equilibrato e per testare le ricette natalizie prima del grande giorno.

Le ricette vanno infatti preferibilmente provate prima, per non rischiare di fare una brutta figura: le grandi dosi e l’agitazione possono infatti fare brutti scherzi. In occasione di pranzi/cene un po’ formali, seppure in famiglia, una cosa che richiede attenzione e troppo spesso trascurata è la cura dei piatti e dell’impiattamento. Se si sono infatti fatti dei passi avanti con la preparazione della tavola, che richiede un certo galateo almeno a Natale, la disposizione dei cibi nei piatti è ancora cosa sconosciuta per molti.

L’importanza del bel servire

Creare il miglior primo del mondo, con ingredienti freschi e gustosi, e presentarlo buttato a casaccio in un piatto sbagliato, è un vero e proprio crimine. Eppure basta davvero poco per presentare al meglio una portata rendendola ancora più buona. L’occhio, infatti, si sa, vuole la sua parte. Un semplice primo, ben presentato e impiattato con un poco di fantasia e maestria, risulterà essere più gradito alla vista e, inconsciamente, anche al palato. Quando si vedono in televisione i grandi chef servire le pietanze, tutto appare semplice, quando però si prova a casa i palchi crollano e nulla sembra voler restare al suo posto nel piatto.

Come si compongono i piatti: l’ABC dell’impiattamento

Le regole per impiattare bene sono poche ed essenziali, ma vanno seguite alla lettera. Il primo dictat è costiutito dalla semplicità e vale soprattutto a fronte dell’inesperienza. Un piatto riempito di salsine, fiori, torrette di cibo, risulterà essere solo un gran pasticcio. La cosa migliore è quindi quella di disporre poche componenti nel piatto, ordinandole in modo logico. Ogni portata ha un suo elemento principale significativo, che di solito è quello che da sapore e carattere alla portata. Questo elemento deve essere il fulcro dell’opera di impiattamento e non va coperto da troppe cose o sminuito, ma solo decorato e accentuato.

Una delle regole fondamentali di un buon impiattamento, tuttavia, è non ancorarsi troppo alle regole. Va bene seguire gli esempi della televisione e dei grandi chef, ma un tocco personale (leggero tocco!) potrà definire e rendere speciale la portata. Non facendo passare mai l’ingrediente principale in secondo piano, si può comunque sbizzarrirsi. Se una volta lo stile dei cuochi era orientato a posizionare l’alimento al centro del piatto, decorandone i contorni; oggi la tendenza è quella di metterlo di lato, arricchendo lo spazio dalla parte opposta. A prevalere comunque è lo spazio vuoto che dà un’aria elegante alla portata. Le sbavature, che possono capitare, vanno pulite alla perfezione oppure lasciate così come sono: la cosa peggiore, infatti, è cogliere la presenza di una sbavatura ripulita malamente.

Leggi anche:

Fornelli che passione, oggi in cucina siamo tutti chef

Quella che un tempo era una passione considerata ‘di nicchia’, che viveva per sua essenza ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *