Home / Lavoro / Incisione dell’oro: perché utilizzare la marcatura laser

Incisione dell’oro: perché utilizzare la marcatura laser

L’oro è uno dei metalli più preziosi esistenti in natura e proprio per questo motivo richiede la massima precisione durante la lavorazione. Negli ultimi anni si stanno diffondendo sempre di più nel settore marcatrici laser industriali che garantiscono un’estrema precisione nella lavorazione di prodotti di prima qualità trattando il materiale con estrema cura ed attenzione. Oltre all’oro si possono marcare facilmente con estrema precisione tanti altri metalli come acciaio, rame, ferro, titanio, alluminio, argento ecc. La marcatura laser ha preso il sopravvento sulle tecniche tradizionali grazie alla funzionalità ed alla velocità del servizio offerto.

Incisione dei gioielli in oro: cenni storici

Prima di approfondire il discorso sugli incisori laser per metalli può essere interessante capire come veniva lavorato in passato l’oro per comprendere meglio l’excursus che ha portato alle tecnologiche dei giorni nostri.

Le primissime lavorazioni dell’oro venivano effettuate in modo molto artigianale con scalpello, martello ed incudine. L’oggetto grossolano veniva lavorato per poi essere trasformato in gioiello. Gli antichi Egizi erano veri e propri maestri della lavorazione dell’oro per creare oggetti destinati a nobili e faraoni. È un vero capolavoro la maschera funeraria di Tutankhamon realizzata in oro massiccio e capace di riprodurre fedelmente i tratti somatici del faraone.

Una prima svolta avviene nel Medioevo quando la lavorazione dell’oro diventa una vera arte. Nel XVII secolo si iniziano a produrre gioielli d’uso religioso straordinariamente particolareggiati ed in questa fase si inizia a distinguere tra incisione e cesellatura. La cesellatura prevede l’utilizzo di uno strumento a punta battuto sul materiale per scalfire la superficie del gioiello; l’incisione invece prevede l’utilizzo di uno strumento che asporta strisce di materiale realizzando un disegno preciso sull’oro. Questa tecnica è ad esempio utilizzata per incidere nelle fedi nuziali i nomi degli sposi e le date del matrimonio.

Il passaggio “epocale” dalla punzonatura meccanica alla marcatura laser

Fino a poco tempo fa la marcatura legale obbligatoria si effettuava tramite la tecnica della punzonatura meccanica, vale a dire una marcatura tramite un punzone che aveva il disegno del marchio in rilievo. Successivamente con la tecnica della micropercussione si imprimeva il marchio desiderato sul metallo. Questo sistema risultava però piuttosto lento e non sempre garantiva la necessaria precisione.

Come valida alternativa alla punzonatura meccanica è nata la marcatura laser che risulta molto più pratica e veloce e riduce al minimo gli errori. Le incisioni d’oro con marcatori industriali garantiscono una maggiore leggibilità, precisione e velocità, caratteristiche che prevengono ogni tipo di danno preservando il valore dell’oro o del metallo prezioso. Questa tecnica aumenta anche la “brand awareness” di un’azienda e favorisce l’esportazione dei propri prodotti sui mercati internazionali poiché rappresenta la marcatura standard maggiormente utilizzata sul mercato.

Tecniche di lavorazione e modalità di personalizzazione

La marcatura laser sta diventando una tecnica sempre più diffusa ed apprezzata anche per la sua notevole versatilità. Il suo utilizzo è infatti particolarmente diffuso non solo nel settore orafo, ma in tante altre aree industriali per la capacità di marcare diverse tipologie di metalli. Sempre più aziende e privati sfruttano questa tecnica per marcature su targhe, timbri, abbigliamento, parti di automobili, packaging, pannelli, arredamento d’interni ecc.

Tecnicamente il fascio di luce emanato dal dispositivo viene indirizzato sulla superficie da trattare e, sfruttando l’elevata temperatura, si può modificare l’oggetto in base alle proprie esigenze grafiche. Questo sistema particolarmente tecnologico rende praticamente impossibile copiare il logo e di conseguenza rappresenta un ottimo alleato contro le contraffazioni.

Le principali aziende che si occupano della marcatura laser dei gioielli o dell’oro offrono varie tipologie di servizi tra cui se ne possono individuare fondamentalmente 3: incisione di immagini e loghi, incisione personalizzata con testi e fotoincisione personalizzata.

L’incisione di immagini e loghi viene generalmente richiesta da aziende e brand che vogliono personalizzare i loro gioielli e contrastare efficacemente la pirateria. L’incisione personalizzata con testi prevede l’utilizzo di un ago diamantato capace di incidere diversi materiali come oro, acciaio, alluminio e argento. Il cliente può scegliere tra diversi caratteri e font per personalizzare la scritta. La fotoincisione personalizzata è generalmente richiesta dai privati che vogliono trasformare una foto importante in un gioiello. Questa tecnica garantisce un elevato livello di precisione ed in genere riporta la foto in chiaroscuro sulla superficie del gioiello.

Cosa dice la direttiva?

In base alla direttiva del Ministero dello Sviluppo Economico, le aziende che hanno un marchio di identificazione e vogliono dotarsi della strumentazione necessaria per la marcatura laser devono fare richiesta all’ufficio Metrico della Camera di Commercio del proprio territorio. Bisogna presentare un modello e richiedere un certo numero di dispositivi Token USB, cioè chiavette USB dotate di microprocessore che custodiscono le impronte da usare durante la marcatura. Nel momento in cui l’operatore andrà ad apporre il logo o la scritta sul gioiello dovrà quindi attenersi alle indicazioni presenti nel Token USB consegnato da un funzionario della Camera di Commercio.

Leggi anche:

Come trovare un buon manager: l’importanza delle società di ricerca e selezione

Oggi buona parte delle grandi aziende si affidano a società esterne per la ricerca e ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *