Home / Salute e Benessere / La fitoterapia e il potere curativo delle piante medicinali
fitoterapia significato

La fitoterapia e il potere curativo delle piante medicinali

Definizione

 

La fitoterapia è una famosa disciplina olistica che usa le proprietà curative delle piante per attenuare e curare patologie.

 

La scienza che cura con le piante

 

Le piante, infatti, hanno al loro interno sostanze chimiche farmacologicamente attive sulla base delle quali vengono sviluppati trattamenti chimici e curativi.

La fitoterapia dunque si fonda sull’uso di piante, selezionate con cura e con rigorosi criteri scientifici, per effettuare trattamenti clinici.

La base scientifica di questa pratica olistica è data dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) per cui è scientificamente provato che alcune piante abbiano al loro interno delle sostanze farmacologicamente attive, questo permette di definirle “piante medicinali”.

Quindi, a differenza di quanto si può credere, la pratica in questione ha delle solide base scientifiche e, se sviluppata con rigore e nelle modalità opportune, si rivela molto utile e di sostegno alla medicina tradizionale (che resta sempre e comunque a caposaldo del sistema).

 

Il fitocomplesso, le sostanze curative

 

L’insieme delle sostanze farmacologicamente attive presente in ogni pianta medicinale assume il nome di fitocomplesso.

In parole semplici il termine fitocomplesso indica l’insieme delle sostanze curative presenti nelle piante medicinali su cui si basa la scienza fitoterapica.

 

La fitoterapia è una medicina alternativa?

 

Il dibattito è ancora aperto tra i due opposti schieramenti: c’è chi considera la fitoterapia una medicina alternativa e chi invece la eleva a disciplina scientifica a 360 gradi.

Per medicina alternativa si intende una serie di pratiche, definite anche discipline olistiche, che hanno una rilevanza secondaria e collaterale e che non possono in alcun modo prescindere dalla medicina tradizionale.

Esempi tipici di medicina alternativa sono:

 

Fondamenti scientifici fitoterapia

 

La teoria contrapposta è quella che configura la fitoterapia come una scienza “vera e propria” e non come semplice medicina alternativa.

I fondamenti scientifici alla base di questa teoria consistono in quanto riportato nella prima parte dell’articolo e arrivano direttamente dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

L’OMS infatti ha riconosciuto la presenza nelle piante di sostanze chimiche curative che possono essere utilizzate in ambito scientifico: stiamo parlando dell’insieme delle sostanze farmacologicamente attive che compongono il cosiddetto fitocomplesso.

Per i fautori della teoria, la fitoterapia costituirebbe una branca della antico ramo della farmacologia scientifica.

 

Piante officinali, una tradizione millenaria

 

A prescindere dalle classificazioni e da quale sia la teoria da preferirsi, ci teniamo a sottolineare le origine storiche delle piante officinali su cui si basa la disciplina.

A partire dagli Egizi e dai Sumeri infatti, la fitoterapia risultava l’unico o il principale strumento di cura delle patologie: con l’avanzare dei tempi pero, queste pratiche si sono sviluppate e hanno avuto sempre maggiore efficacia sull’uomo.

La presenza di sostanze farmacologiche di rilievo è assodata, come abbiamo visto, e lo stesso dicasi per la scientificità delle preparazioni: il termine preparato galenico su cui si basa la preparazione dei medicinali viene proprio da Galeno, uno dei maggiori esponenti della fitoterapia moderna.

Non bisogna confondere, infine, la fitoterapia con miscugli e preparati a base di erbe che hanno poco a che vedere con la scienza.

 

 

 

Leggi anche:

benefici agopuntura

Agopuntura: come funziona e quali sono i benefici

L’agopuntura è un antichissimo metodo di cura cinese caratterizzato dall’inserimento nello strato superficiale della pelle ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *