Home / Salute e Benessere / Meningite: i sintomi di un possibile contagio in adulti e bambini
malditesta

Meningite: i sintomi di un possibile contagio in adulti e bambini

La meningite è una patologia contagiosa molto pericolosa, che se non trattata in modo tempestivo può provocare convulsioni, problemi di vista, disturbi uditivi e sordità, ma anche disabilità intellettive. Esistono anche casi di meningite fulminante, che purtroppo spesso conduce al decesso. Si tratta di un’infiammazione delle meningi, ossia delle membrane che avvolgono il cervello e il midollo spinale e può colpire sia gli adulti che i bambini. Non è certo una patologia da sottovalutare e riconoscere i sintomi iniziali può essere davvero fondamentale: con una diagnosi tempestiva questa malattia può essere curata con ottime probabilità di successo.

Meningite virale e batterica

Quando si parla di meningite bisogna distinguere le due forme di questa infiammazione, che può essere virale oppure batterica. La prima forma, ossia quella virale, è molto meno pericolosa e si presenta spesso in forma del tutto asintomatica. Tende a risolversi spontaneamente senza ripercussioni di salute per il paziente, quindi si tratta di una forma piuttosto innocua.

Al contrario, la meningite batterica si manifesta con sintomi decisamente più gravi e se non viene trattata in modo tempestivo può avere delle conseguenze irreversibili. Quando si parla di sintomi meningite quindi bisogna distinguere queste due forme della malattia: se nel primo caso ci troviamo di fronte a manifestazioni molto lievi, in caso di meningite batterica i problemi potrebbero essere davvero molto seri ma al tempo stesso facili da riconoscere.

I sintomi della meningite batterica: campanelli d’allarme da non sottovalutare

La meningite batterica, che come abbiamo appena visto è la forma più grave e pericolosa della malattia, non è difficile da riconoscere ma i sintomi iniziali potrebbero essere facilmente confusi con altri disturbi meno preoccupanti. Compaiono dopo 8 ore dal contagio e sono i seguenti:

  • Dolori articolari, specialmente alle gambe;
  • Mani e piedi molto freddi;
  • Colorito della pelle anomalo.

Dopo 13-22 ore dal contagio iniziano a comparire sintomi più specifici e facili da riconoscere, che non devono mai essere sottovalutati:

  • Mal di testa, spesso molto forte;
  • Febbre;
  • Rigidità e dolore al collo;
  • Ittero (specialmente nei neonati);
  • Letargia e stato di coscienza alterato;
  • Convulsioni;
  • Eruzioni cutanee;
  • Irritabilità;
  • Fontanella sporgente (nei neonati).

In presenza di questi sintomi è fondamentale agire con una certa tempestività e rivolgersi immediatamente al Pronto Soccorso. Come abbiamo detto infatti la meningite batterica è pericolosissima e in alcuni casi il suo decorso è talmente rapido da portare al decesso del paziente. Se quindi non viene diagnosticata e trattata per tempo, questa patologia può essere letale specialmente se colpisce i bambini piccoli o gli anziani.

Il vaccino contro la meningite: l’importanza della prevenzione

Come abbiamo visto, la meningite batterica è particolarmente pericolosa per i neonati ed i bambini piccoli, perché il loro sistema immunitario è ancora piuttosto debole. Fortunatamente però il contagio si può prevenire mediante la somministrazione del vaccino, che combatte il batterio responsabile di questa infezione: il meningococco. La prevenzione è importantissima, specialmente nei più piccoli e questo è uno dei vaccini obbligatori proprio per i neonati.

Leggi anche:

tendenze profumi 2020 donna

La bella stagione in arrivo ci fa pensare alla natura che si risveglia, alle fragranze floreali ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *