Home / Sport / Gli atleti italiani convocati a Tokyo 2020: dal tennis alla ginnastica artistica

Gli atleti italiani convocati a Tokyo 2020: dal tennis alla ginnastica artistica

Dopo che il rischio di annullamento delle Olimpiadi di Tokyo sembra superato, arrivano le convocazioni per molti azzurri delle diverse discipline. Il nostro gruppo olimpionico diventa di giorno in giorno sempre più folto grazie a prestazioni di rilievo mondiale. Però le limitazioni del regolamento stilato dal CIO (Comitato Olimpionico Internazionale) non permettono alle singole nazioni di schierare un numero indeterminato di atleti e, soprattutto in specifiche competizioni, obbligano i Comitati Olimpici Nazionali a scelte dolorose e fratricide.

E’ questo il caso di Sport a numero chiuso come il ciclismo, il calcio, il tennis e la ginnastica artistica, soltanto per citarne alcuni. In tal senso sono d’esempio i trials americani per la totalità delle discipline di atletica leggera e del nuoto: stiamo parlando di competizioni nazionali in cui si selezionano i migliori atleti della nazione per singola disciplina e senza esclusione di colpi.

E in Italia, com’è la situazione? Quali sono gli ultimi azzurri convocati? In questo articolo descriveremo a che punto sono le convocazioni degli atleti italiani per le prossime Olimpiadi di Tokyo che si svolgeranno dal 23 Luglio all’8 Agosto.

I tennisti italiani a Tokyo 2020

I tennisti convocati alle Olimpiadi di Tokyo sono ben cinque, risultato in netto miglioramento rispetto alle Olimpiadi di Rio, trattasi di Yannick Sinner, Fabio Fognini, Lorenzo Sonego, Matteo Berrettini per gli uomini e di Camila Giorgi per le donne. Nel settore maschile il risultato va oltre le più rosee aspettative ma è conforme agli exploit a cui i ragazzi ci stanno abituando e, se non fosse per il sistema di ridistribuzione previsto dagli organi internazionali, avremmo altri rappresentanti del tennis nell’Olimpiade 2020.

Discorso diverso per il settore femminile dove l’unica quota rosa è rappresentata dall’ondivaga Camila Giorgi che, proprio sul filo di lana è riuscita a strappare il pass per Tokyo 2020 nonostante un ranking non troppo competitivo.

Il triathlon azzurro alle Olimpiadi

E’ notizia di qualche ora fa, gli atleti del triathlon azzurro faranno parte di Tokyo 2020! Lo straordinario risultato, in quella che non è una disciplina di punta dello sport italiano, è stato raggiunto grazie all’immenso lavoro di tutto il team guidato dal Commissario Tecnico Alessandro Bottoni. Ecco i nomi dei cinque convocati nel triathlon per Tokyo 2020 (a cui si aggiunge una riserva): Alice Betto, Angelica Olmo, Verena Steinhauser per la squadra femminile, insieme a Gianluca Pozzatti, Delian Stateff e Alessandro Fabian (riserva azzurra).

Tutto questo è stato possibile grazie allo splendido risultato raggiunto dalla compagine azzurra nella Staffetta Mista, al termine della quale il nostro Paese ha visto assegnarsi ben cinque posti, ridistribuiti come sopra: un risultato unico che speriamo sarà di buon auspicio per il team azzurro.

Vanessa Ferrari o Laura Mori: chi andrà alle Olimpiadi?

La situazione nella ginnastica artistica è invece molto particolare: stiamo parlando di infatti un ballottaggio tutto azzurro tra due spettacolari campionesse quali Laura Mori e Vanessa Ferrari: soltanto una tra le due azzurre farà parte della compagine per Tokyo 2020. In questo caso non c’è convocazione che tenga, tutto infatti dipenderà dalla graduatoria finale che tiene conto delle ultime competizioni precedenti le Olimpiadi.

Vanessa Ferrari e Laura Mori, in una battaglia sportiva che dura da ben 3 anni, sono appaiate nel punteggio e soltanto con l’ultima gara prevista in programma, che si svolgerà a Doha, si deciderà chi delle due potrà partecipare alle Olimpiadi giapponesi. Un finale a cui non vorremmo mai assistere ma che è obbligato dalle norme regolamentari del CIO sulla partecipazione ai Giochi Olimpici.

E intanto la rappresentativa azzurra per Tokyo 2020 sale a 335 partecipanti!

Leggi anche:

Formula 1: come potrebbe cambiare il weekend di gara

La stagione 2021 potrebbe essere ricca di cambiamenti per il circus della Formula 1. Infatti, ...

2 commenti

  1. Mi sembra paradossale, portare Fognini alle Olimpiadi, non solo per i risultati scadenti, quanto piuttosto per le sceneggiate in campo, il turpiloquio in campo e l’atteggiamento indisponente di cui è stato frequentemente attore. Non si sta meritando questa convocazione e farebbe un gesto decente se lasciasse il posto a Lorenzo Musetti. Non foss’altro per gli splendidi primi due set contro Djokovic 7-6 7-6 al Roland Garros di Parigi

    • Ciao Giorgio, è vero che Musetti meriterebbe la convocazione visti i risultati che sta facendo negli ultimi mesi: purtroppo solo a causa delle restrizioni del CIO sul numero di atleti per nazione non potrà parteciparvi ma sono sicuro che saprà difendere i nostri colori magnificamente nelle prossime Olimpiadi! Fognini ha avuto un momento di debolezza, è vero, ma a Wimbledon si sta riprendendo ottimamente!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *